Frank Horvat. Storia di un fotografo

al Palazzo Chiablese di Torino

Torino sta alle mostre fotografiche come Frank Horvat sta al reportage sociale, ormai.

Il 28 febbraio si dà infatti il via a una nuova mostra fotografica che terrà compagnia a torinesi e non, fino al 20 maggio; questa volta il fotografo in questione è Frank Horvat, un italiano vissuto in realtà in tutto il mondo.

Le sue sono infatti fotografie con tematiche che spaziano in ambito e luogo e per questo motivo molto interessanti.

D’altronde è proprio lui l’autore della frase: “La fotografia è l’arte di non premere il bottone”, frase che rappresenta a pieno la sua vita d’artista.

Fotoreporter attento a un’umanità sconosciuta di mondi lontani, fotografo di moda che immerge le sue modelle nei fatti quotidiani, è artista sensibile alla storia dell’arte, pronto a confrontarsi con la pittura e affascinato dalla scultura. Un fotografo di paesaggi attratto dal rapporto tra uomo e natura, che si dedica anche a esplorazioni interiori, a virtuosismi digitali e a una ricerca fotografica improntata alla libertà del suo sguardo.

L’esposizione è prodotta dai Musei Reali e curata da Frank Horvat stesso e l’artista ha deciso di impostare il tutto rintracciando una chiave interpretativa del suo lavoro, frutto di una carriera lunga settant’anni.

Accanto alle sue opere, l’artista presenta per la prima volta in assoluto una parte della sua collezione privata, immagini che rappresentano in modo iconico la storia della fotografia.

Questa collezione propone scatti di nomi illustri quali Irving Penn, Edward Weston, Henri Cartier Bresson, Sebastiao Salgado, Edouard Boubat.

La mostra si tiene presso i Musei Reali e più in particolare presso Palazzo Chiablese, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 19, mentre il lunedì dalle 14 alle 19.

Per maggiori informazioni visita il sito dei Musei Reali

 

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *