Salone del Libro 2020: come sarà?

Il Salone del Libro per noi è sempre stato uno degli eventi più attesi e amati. Quello di quest’anno sarà un Salone diverso, questo è certo. Infatti, per la sua edizione 2020 diventerà digitale, a causa dell’emergenza sanitaria degli ultimi mesi.
Si terrà dal 14 al 17 maggio, e si intitolerà “Altre forme di vita“. Le piattaforme per gli incontri saranno quelle più famose: Facebook, Instagram e Twitter, oltre ad una diretta streaming sul sito di Repubblica. Quattro giornate di eventi gratuiti in streaming, con ospiti italiani e internazionali.

Ma si tratta solo di una parentesi, l’auspicio è di ritornare presto, forse già in autunno, alla versione fisica al Lingotto di Torino, che ormai accompagna la nostra città da più di trent’anni.

Altre forme di vita

Il titolo di questa edizione – Altre forme di vita – fu scelto, profeticamente, mesi fa. Oggi però sembra davvero che si stia vivendo tutti un’altra forma di vita, che fino a qualche tempo fa risultava inimmaginabile. Il Salone del Libro, quest’anno, si fa portavoce di un messaggio ancora più importante, per tutte quelle persone che vedono nei libri la possibilità di immaginare un futuro migliore.

Gli appuntamenti

Anche in questa edizione straordinaria ci si occuperà di letteratura, di scienza, di studi storici, di filosofia, di musica, di cinema e sarà possibile seguire un ricco programma di eventi in live streaming e interagire con gli ospiti nazionali e internazionali che hanno risposto all’appello.
I canali social del Salone (Facebook, Instagram, Twitter) permetteranno di partecipare, in diretta, a tutti gli appuntamenti.
Nella giornata di venerdì 15 maggio, inoltre, alcuni incontri saranno trasmessi in diretta anche su Rai Radio3: “Tutta la città ne parla”, “Radio3Mondo”, “Radio3Scienza”, “Fahrenheit”, “Hollywood Party” e “Radio3Suite”.
I quattro giorni del Salone cominceranno con una lezione dello storico Alessandro Barbero in diretta dalla Mole Antonelliana, il 14 maggio. Nei giorni successivi ci saranno poi Samantha Cristoforetti e Paolo Cognetti, Salman Rushdie e Javier Cercas, Roberto Saviano e Paolo Rumiz, Jared Diamond e Ocean Vuong, Amitav Ghosh e Annie Ernaux, Vinicio Capossela e Valeria Parrella, Paolo Giordano e Alessandro Baricco, Jovanotti e Saviano, Enzo Bianchi e Zerocalcare, Roberto Calasso e Linus.

Portici di Carta

C’è poi anche una bella novità quest’anno, che sicuramente piacerà ai frequentatori di librerie. Portici di Carta, in collaborazione con Colti – Consorzio Librerie Torinesi Indipendenti, propone in occasione del Salone, una iniziativa. Ispirandosi agli autori, ai libri presentati e ai temi trattati nei quattro giorni dell’evento, ogni libraio potrà pensare a una libera reinterpretazione del programma, con vetrine dedicate, letture, iniziative di vario tipo, che potrà documentare e promuovere utilizzando i social media con gli hashtag #SalToEXTRA #SalToInLibreria.
Quindi telefono e Instagram alla mano, tutti pronti a immortalare le vetrine più belle!

E tu, sei pronto a partecipare a questa edizione insolita del Salone del Libro?

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *